noixvoi24

venerdì 30 dicembre 2011

UOMO INVESTITO A SAN SALVO: SCARCERATO IL 31ENNE SPAGNOLO

Torna libero prima dell'udienza di convalida Javier Francisco Amezcua, il 31enne arrestato a San Salvo dopo la morte di Luigi Dell'Arciprete, 35 anni, investito ieri mattina in via Gargheta e morto sul colpo.
"A seguito di ulteriori accertamenti, sono venuti meno i presupposti che avevano imposto la misura precautelare dell'arresto", dichiara Gianni Menna, avvocato dell'uomo di origini spagnole, arrestato dai Carabinieri con le accuse di omicidio colposo, omissione di soccorso e guida in stato di ebbrezza. "Confidiamo - dice il legale - nell'operato della magistratura vastese, che sta operando per accertare l'esatta dinamica dei fatti". Eseguita la ricognizione cadaverica. Oggi, 30 dicembre, è prevista l'udienza di convalida dell'arresto. Amezcua si presenterà libero davanti al giudice per le indagini preliminari.

vastoweb.it
Leggi tutto....

IL CONSIGLIERE REGIONALE PROSPERO AL LAVORO PER RIFONDARE LA PRO VASTO

Il Consigliere regionale Antonio Prospero (Rialzati Abruzzo) è stato di parola. Qualche settimana fa, aveva annunciato importanti novità per quanto concerne la Pro Vasto. Oggi la notizia di un imminente incontro pubblico con gli sportivi vastesi per mettere a fuoco gli obiettivi e le iniziative che hanno un solo scopo: restituire alla Vasto calcistica una società ed una squadra che appartengano a tutta la città. L'incontro è stato fissato dal consigliere Prospero per il giorno 7 gennaio 2012, sabato, alle ore 16:00, presso la sala riunioni dell'Istituto dei Gabrielini, in viale D'Annunzio, a Vasto.
“Sì – ammette Prospero - abbiamo alcune proposte concrete da portare all’attenzione degli sportivi vastesi. Con loro vorrei un confronto aperto, serio, costruttivo, anche vivace, perché interesse comune è di costruire una piattaforma programmatica capace di restituire alla nostra città il calcio che conta. Credo ci siano le condizioni, oggi, per poter avviare una nuova programmazione che veda gli sportivi protagonisti assieme al gruppo dirigente. La mia unica speranza, al momento – conclude Antonio Prospero - , è che sabato 7 gennaio, saranno in tanti a raccogliere questo invito che, ci tengo a sottolinearlo, è aperto a tutti, indistintamente. Perché il calcio non è di una parrocchia politica, né, tanto meno, può essere di un singolo. La voglia di far rivivere la Pro Vasto è tanta, si tratta, adesso, di concretizzarla attraverso alcune proposte sulle quali aprire un confronto cittadino serio e partecipato”.
Appuntamento a sabato 7 gennaio, dunque. E che l’anno nuovo porti bene ai colori biancorossi.
Leggi tutto....

mercoledì 28 dicembre 2011

DOMANI A SAN SALVO CONFERENZA STAMPA DI MARCHESE E DELL'UDC CON FLI

Giornata politica intensa quella prevista nella mattinata di domani a San Salvo. Alle ore 11 presso la sede dell'UDC, sita in corso Garibaldi, si terrà una conferenza stampa del partito di Casini con FLI, che fino alla data odierna non era presente in città.
Mezz'ora più tardi nella centralissima sede di San Salvo Democratica sarà l'ex sindaco Gabriele Marchese a tenere una conferenza stampa.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

SAN SALVO, SCONTRO NELLA NOTTE: MUORE UN 35ENNE, FERITA LA RAGAZZA

Un' incidente mortale è accaduto poco prima delle cinque di questa notte a San Salvo. A perdere la vita è Luigi Dell'Arciprete, 35enne operaio di Monteodorisio. Dell'Arciprete in compagnia della ragazza rumena, S.A. 25 anni, di ritorno da una festa di compleanno, stava sostituendo una ruota forata in via Grasceta, direzione San Salvo, sopra al ponte dell'Autostrada A14 quando una "Ford Fiesta" li ha falciati in pieno. Per il 35enne sono stati invani i soccorsi dei sanitari del 118 che hanno potuto solo costatare il decesso dell'uomo. La ragazza è stata trasportata all'Ospedale San Pio di Vasto dove è attualmente ricoverata. I Carabinieri della stazione di San Salvo e della Compagnia di Vasto dopo aver ascoltato i testimoni e visionati i reperti sul posto sono risaliti all'autore del fatto. Si tratta di Javier Francisco Amezcua, 31 anni, di origini spagnole ma residente a San Salvo. Gli uomini dell'Arma hanno sottoposto all'alcotest l'uomo che è risultato con un tasso alcolico di 2 grammi per litro, quattro volte sopra la soglia massima. L'uomo è stato arrestato con l'accusa di omicidio colposo, omissione di soccorso e guida in stato di ebbrezza. I carabinieri nelle prossime ore interrogheranno la ragazza rumena per chiarire meglio la dinamica dell' incidente.
Intanto torna a montare la polemica sulla viabilità di via Grasceta che è già stata teatro di alcuni gravi incidenti nel passato.

L.D.S.
Leggi tutto....

martedì 27 dicembre 2011

TORNA QUESTA SERA BORGUSTANDO A LENTELLA

Torna questa sera Borgustando, la rassegna eno-gastronomica che negli anni passati ha registrato un consenso crescente.
L'evento si presenta con una formula rinnovata: le tre date saranno 'spalmate' durante tutto l'anno. Si inizierà con l'appuntamento invernale di oggi per poi passare a quello primaverile del primo maggio a Furci e terminare nel mezzo dell'estate a Fresagrandinaria l'11 agosto.
Diversi saranno i produttori presenti, veri rappresentanti delle eccezionalità gastronomiche del medio e alto Vastese. Un ruolo importante, come sempre, l'avrà il vino: delle cantine consolidate e con una certa storia a quelle minori che si affacciano sulla scena rappresentando piacevoli sorprese che ben si conciliano con il clima invernale.
Tante le specialità che si potranno gustare nella prima tappa: pasta e ceci, le 'mitiche' pallotte casce e ov, l'immancabile porchetta lentellese e tanto altro tra salumi, dolci ecc.
Avranno infine, uno spazio organico e distribuito nel percorso anche le opere d'arte dei talenti locali che ogni anno espongono le proprie creazioni.
L'appuntamento è per stasera: si inizia alle 16 e si proseguirà fino a tarda notte con il ritmo rock dei Vintage.
Leggi tutto....

lunedì 26 dicembre 2011

BUONA RIUSCITA DELLA PRIMA EDIZIONE DELLA CORSA DEI BABBO NATALE

Si è svolta Venerdi 23 Dicembre a San Salvo la 1° Edizione della Corsa dei Babbo Natale, gara podistica riservata a tutti i runners vestiti da Santa Claus, con tanto di barba e baffi bianchi. E' stato un bel colpo d'occhio per gli spettatori presenti in Piazza Papa Giovanni XXIII e, soprattutto, è stato un bel successo per gli organizzatori,visto che era quasi un centinaio i Babbo Natale (la maggior parte dei "piccoli" Babbo Natale) giunti all'arrivo dopo circa 5 Km.
La Podistica San Salvo e l'Associazione "Mille idee per San Salvo", coordinatori della manifestazione, hanno riscontrato un grande entusiasmo da parte dei concorrenti che sono stati premiati non in base all'ordine d'arrivo ma circa una ventina di essi hanno vinto la lotteria finale. Il premio più ambito (un panettone artigianale di circa 3 Kg.) è stato vinto dall'atleta della Podistica San Salvo Salvatore Aquilino. Alla fine della manifestazione tutti a mangiare panettone ed a brindare con dello spumante, in particolare tutti gli atleti della Podistica San Salvo (capitanati dal Presidente Michele Colamarino) reduci dalla vittoria nel circuito podistico regionale Fidal,denominato Corri Adriatico.
Leggi tutto....

sabato 24 dicembre 2011

USURA: IMMOBILI SEQUESTRATI A SAN SALVO DAI CARABINIERI

Beni per 400 mila euro appartenenti a padre e figlio molisani - usurai arrestati nel giugno scorso -, sono stati posti sotto sequestro dai carabinieri su disposizione del Gip pescarese Michela Di Fine. Si tratta di tre immobili, nei comuni di Montenero di Bisaccia (Campobasso) e San Salvo (Chieti); tre terreni, di cui due a Montenero (Campobasso) ed uno a San Salvo (Chieti) per un totale di 8000 metri quadrati. I militari hanno anche posto i sigilli a tre conti correnti intestati ad Antonio De Vivo, 69 anni ed al figlio Michele (38), noti commercianti molisani.


Ansa
Leggi tutto....

IL LIONS CLUB DI SAN SALVO PREMIA GLI ALUNNI PARTICOLARMENTE MERITEVOLI

Si terrà il 28 dicembre, ore 17,00, presso il Centro Culturale “Aldo Moro”, la cerimonia della premiazione degli studenti particolarmente meritevoli , organizzato dal Lions Club di San Salvo, presieduto da Venanzio Bolognese. I riconoscimenti saranno consegnati agli alunni e agli studenti che hanno conseguito la votazione massima alla termine del corso scolastico 2010-2011 (scuole primarie, secondarie e superiori).
La manifestazione diventerà una buona occasione per premiare i ragazzi delle Medie, che hanno concorso al “ Poster per la Pace”.
A questo importante appuntamento parteciperanno le autorità istituzionali e vari personaggi del mondo della cultura.

Michele Molino (Addetto stampa Lions Club)

Leggi tutto....

venerdì 23 dicembre 2011

FALSO ALLARME BOMBA SUI BINARI: DISAGI SULLA LINEA FERROVIARIA

«Siamo il gruppo anarchico. C’è una bomba sui binari». Questa la telefonata ricevuta attorno alle 17 dalla polizia ferroviaria che ha fatto scattare l’allarme nel pomeriggio di venerdì 23 dicembre. Un fantomatico ordigno sistemato sulla tratta fra Termoli e Petacciato che ha fatto partire controlli a tappeto e provocato ritardi a catena. Anche due ore di stop fino al via libera arrivato poco dopo le 19.
E’ stato presumibilmente uno scherzo di cattivo gusto quello che ha mandato in tilt i collegamenti ferroviari sulla linea adriatica. Tutto è partito dalla telefonata anonima ricevuta dalla Polfer a metà pomeriggio. «Siamo il gruppo anarchico governativo, abbiamo piazzato una bomba sui binari fra Termoli e Petacciato». Una sorta di rivendicazione che giocoforza ha fatto scattare l’allarme e ha comportato lo stop a tutti i treni in viaggio lungo l’Adriatico.
Sono scattati dei controlli a tappeto. «Ci hanno fermati prima a Vasto, poi a Petacciato scalo, poi ancora a Termoli prima di scendere» ha raccontato un giovane studente universitario di ritorno da Ancona per le feste natalizie. «Alla fine siamo arrivati con due ore di ritardo». E’ stato questo il problema più grande cui far fronte. Centinaia di pendolari sono stati costretti ad attendere, chi in stazione, chi bloccato su una carrozza.I ritardi sono stati notevoli e i disagi ancora maggiori per chi ha dovuto aspettare al freddo. Attorno alle 18 la stazione di Termoli era affollatissima di persone, molte delle quali si sono chieste il perché di tanta attesa.
La polizia ferroviaria ha tenuto il massimo riserbo per non creare panico. Intanto è intervenuto il Nucleo di sicurezza ferroviaria direttamente da Pescara per effettuare gli adeguati controlli da cui, com’è facile immaginare, non è risultato nulla di anomalo. Poco dopo le 19 è stato dato il via libera al traffico ferroviario che è ripreso regolare, pur con i gravi ritardi accumulati.


da primonumero.it
Leggi tutto....

giovedì 22 dicembre 2011

TORNA ALLA VITTORIA IL SAN SALVO: 2-0 ALLA SPAL LANCIANO

Un buon San Salvo batte 2-0 in trasferta il fanalino di coda Spal Lanciano e chiude con una vittoria il 2011. Un mese di dicembre più che positivo per l'U.S. San Salvo di Nicola Marcello visto che sono stati ben 10 i punti conquistati su 15 a disposizione. Il tecnico sansalvese oggi ha rinunciato a diversi elementi tra cui gli squalificati Marinelli e Rossi, l'indisponibile Lombardozzi e l'infortunato Cianci. A sbloccare il match la rete di Piermattei al primo minuto della ripresa. I biancoazzurri giocano meglio ma sprecano molto sottoporta. Ci provano senza esito Alberico, Marroncelli e Crisci. Il sigillo alla gara porta la firma di Gianluca Di Pasquale che, quasi allo scadere, con un bel tiro fredda il portiere locale. Dopo le varie voci circolate in settimana con questa vittoria Marcello resta saldamente alla guida del team sansalvese. Sperando in qualche rinforzo, che non guasterebbe affatto, gli undici del patron Torricella torneranno in campo al "Bucci", contro il Cologna Paese, domenica 8 gennaio.
Nel resto della giornata sconfitta casalinga per il Vasto Marina. All'Aragona l'Amiternina, che termina la gara in nove, si impone con il punteggio di 1-0.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

mercoledì 21 dicembre 2011

SCIOPERO ALLA CIMA COSMOS DI SAN SALVO: A RISCHIO CHIUSURA L'AZIENDA

Il 10 marzo prossimo scadra’ la cassa integrazione guadagni straordinaria per gli operai della Cima Cosmos di San Salvo e l’azienda mandera’ a casa tutti e 23 gli operai. E’ difficile la situazione della fabbrica che produce molle per auto. Fiom e Fim hanno proclamato uno sciopero di otto ore, con manifestazione davanti ai cancelli dello stabilimento, venerdi’ 23 dicembre alle 8. L’azienda -affermano i sindacati- deve rilanciare lo stabilimento di San Salvo con investimenti mirati e contratti di solidarieta’.

Leggi tutto....

SAN SALVO, DROGA SOTTO IL TERMOSIFONE: ARRESTATO 34ENNE

Con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio i Carabinieri della stazione di San Salvo hanno arrestato, intorno alle 20 di ieri sera , Basile Claudiu, 34enne, cittadino romeno, disoccupato, residente a San Salvo."Nel corso di alcuni controlli del territorio -spiega il capitano della Compagnia di Vasto Giuseppe Loschiavo-, finalizzati alla prevenzione e repressione di furti, specie in appartamento, i militari della locale Stazione, durante una perquisizione domiciliare, rinvenivano, occultato in un incavo ricavato sotto un termosifone della cucina, un involucro in cellophane sigillato, del peso di 85 grammi circa di cocaina. Basile, dopo le formalità di rito, è stato associato presso il carcere di Torre Sinello a Vasto, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

Luca Di Sciascio

Leggi tutto....

martedì 20 dicembre 2011

SAN SALVO, DOMANI LA PRESENTAZIONE DEL CANDIDATO SINDACO DEL PD ARNALDO MARIOTTI

Domani, mercoledi 21 dicembre, alle ore 11, presso la Casa della Cultura della Porta della Terra a San Salvo , si terrà la conferenza stampa di presentazione del candidato sindaco del Partito Democratico, l'On. Arnaldo Mariotti. A presentare la candidatura dell'ex deputato ci saranno il segretario regionale del PD Silvio Paolucci, il segratario provinciale Camillo Di Giuseppe e il segretario cittadino Agostino Monteferrante. La candidatura dell'On. Mariotti era stata decisa all'unanimità del direttivo del Partito Democratico riunito in data 11 novembre.

L.D.S.
Leggi tutto....

BAMBINA DI OTTO ANNI FERITA A SCUOLA DAL TELAIO DI UNA PORTA: L'EPISODIO E' ACCADUTO CUPELLO

Poteva finire con conseguenze più gravi l'incidente accaduto ad una bambina di 8 anni all'interno della scuola di via De Gasperi a Cupello. Una cornice esterna della porta del bagno si è staccata, molto probabilmente a causa di un colpo di vento, colpendo alla testa l'alunna. La piccola se l'è cavata con una contusione alla testa. Il sindaco di Cupello, Angelo Pollutri, ha avviato immediati controlli nelle strutture pubbliche ma chiede di non dramattizare troppo l'episodio. L'incidente ha aperto una polemica tra il sindaco e il segretario cittadino di Rifondazione Comunista sulla sicurezza negli edifici scolastici.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

PILKINGTON SI DEGLI OPERAI AL NUOVO CONTRATTO DI LAVORO

E’ il si a trionfare nelle assemblee dei lavoratori della Pilkington di San Salvo indette per decidere sul nuovo contratto aziendale di lavoro. Spicca l’elevata percentuale di astensione. Centinaia di operai non hanno partecipato al voto e questo viene visto dai sindacati come un segno di dissenso e protesta da parte dei lavoratori della multinazionale giapponese. Con questi risultati i sindacati colgono la volontà dei lavoratori di fare sacrifici purchè questi siano fatti da tutti in modo da ottenere un miglioramento della competitivita’. Forte preoccupazione da parte di Uil,
Cgil e Cisl è stata espressa in seguito alle dimissioni presentate qualche giorno fa dal presidente del gruppo NSG, Mike Fallow, con l’auspicio che non si riflettano in modo negativo sulle prospettive dei siti di San Salvo già indeboliti dalla precaria situazione della Flovetro.
Leggi tutto....

domenica 18 dicembre 2011

PAREGGIO A RETI BIANCHE TRA U.S. SAN SALVO E CASTEL DI SANGRO

Finisce con un pareggio a reti bianche lo scontro salvezza del campionato di Eccellenza tra l’U.S. San Salvo e il Castel Di Sangro. Al “Bucci” Marcello deve rinunciare al portiere Cianci, microfrattura ad un dito, e all’indisponibile Lombardozzi ma schiera dal primo minuto il neo acquisto Gianluca Marroncelli. La partita è subito vivace con la compagine ospite che gioca meglio ma Manes è bravo in un paio di occasioni a negare la rete ai sagrini. Al 35’ Alberico viene atterrato in area e chiede a gran voce il rigore ma Miccoli di Lanciano concede la punizione agli ospiti. Nella seconda frazione gioca meglio il San Salvo e va vicino al vantaggio in alcune occasioni. Marcello inserisce anche la terza punta ma i biancazzurri non riescono a concretizzare e al 85’ l’estremo difensore ospite è bravo a bloccare il tiro di Marinelli da due passi. Dopo cinque minuti di recupero il direttore di gara manda tutti negli spogliatoi sul risultato di 0-0 giusto a parere dei due allenatori. Giovedi’ altra sfida vitale per la formazione del patron Torricella sul terreno del fanalino di coda Spal Lanciano. In settimana non sono escluse novità all’interno del club biancazzurro.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

sabato 17 dicembre 2011

IN FIAMME UN FURGONE A VASTO: INDAGANO I CARABINIERI

Ennesimo mezzo incendiato nella notte a Vasto. Ad andare in fiamme è stato un furgone Citroen Jumpy di proprietà di N.C., vastese proprietario di una ditta di impianti elettrici. Anche nel dicembre 2009 una Fiat Scudo, di proprietà dell'azienda dell'uomo era stato distrutto dalle fiamme. L'episodio è accaduto intorno alle 2 della notte in via Perth. Sul posto sono giunti i Carabinieri della Compagnia di Vasto per le indagini del caso mentre a domare il rogo sono stati impegnati i Vigili Del Fuoco del distaccamento di Vasto.

L.D.S.
Leggi tutto....

venerdì 16 dicembre 2011

UN GROSSO PINO CADE A SAN SALVO, DISAGI PER GLI OPERAI

Un grosso pino è caduto nella serata di oggi a San Salvo. L'albero è stato buttato a terra dal forte vento di libeccio che in giornata ha interessato la zona del vastese. L'episodio è accaduto intorno alle 21 di stasera in viale Australia nella zona industriale di San Salvo. Il pino, alto più di 10 metri, ha occupato entrambe le carreggiate bloccando la circolazione sull'arteria e creando disagi agli operai che si recavano e uscivano da lavoro alla Denso e alle altre aziende presenti nella zona. Sul posto per la rimozione dell'albero stanno operando gli uomini dei Vigili Del Fuoco di Vasto.
Leggi tutto....

SAN SALVO, PRIMA EDIZIONE DELLA CORSA DEI "BABBO NATALE"

Si svolgerà Venerdi 23 Dicembre alle ore 18.00, in pieno centro storico a San Salvo, la suggestiva corsa dei Babbo Natale, gara podistica non competitiva riservata a tutti i Babbo Natale di
qualsiasi età. L’organizzazione curata da MILLE IDEE PER SAN SALVO in collaborazione con la ASD Podistica San Salvo, ha programmato un circuito cittadino che si snoderà da Piazza Papa Giovanni XXIII (dove avverrà sia la partenza che l’arrivo) Via Roma, Villa Comunale, Via Duca degli Abruzzi e Corso Garibaldi fino all’arrivo in Piazza Papa Giovanni XXIII. Tutti possono partecipare: l’importante è essere muniti dell’apposito vestito con barba, baffi e cappello….e possibilmente un paio di scarpe da runner!!!
Leggi tutto....

giovedì 15 dicembre 2011

RINFORZO IN CASA U.S. SAN SALVO: ARRIVA IL CENTROCAMPISTA GIANLUCA MARRONCELLI

E’ Gianluca Marroncelli, classe 1979, il primo colpo del mercato invernale messo a segno dall’U.S. San Salvo. L’esperto centrocampista in questi mesi ha vestito la maglia del Venafro ma nel suo curriculum conta ben 9 campionati di eccellenza, due di serie D, tre di C2 con Chieti e Torres e uno di C1 con il Marsala.
“Ho scelto San Salvo – ha dichiarato l’ex giocatore del Venafro- perché me ne hanno parlato bene soprattutto da un punto di vista societario e dopo alcuni anni trascorsi tra il Lazio e il Molise torno ad assaporare il calcio abruzzese”. Il neo centrocampista biancazzurro ha già le idee chiare sulla sua nuova esperienza. “Voglio raggiungere la salvezza -continua Marroncelli- e sono certo che l’obbiettivo è alla portata perché il gruppo è valido e guidato da un ottimo tecnico. Sono a disposizione del mister e spero di poter dare una mano”.
Il neo acquisto debutterà con la maglia biancazzurra nel match casalingo di domenica contro il Castel Di Sangro. Nelle ultime ore di mercato molto probabilmente il direttore sportivo Nicola Di Santo tenterà di portare in riva all’Adriatico un difensore. Si allontana il forte centrale Nando Giuliano che in giornata ha rescisso con l’Isernia ma è destinato ad approdare al San Nicolò in serie D spegnendo definitivamente le voci che da mesi circolano in casa U.S. San Salvo circa un suo arrivo in biancazzurro.

L.D.S.
Leggi tutto....

OPERAZIONE DEI CARABINIERI: AI DOMICILIARI L'EX VICE COMANDANTE DELL'ARMA DI VASTO

C'è anche un ufficiale dei carabinieri che ha lavorato per 5 anni a Vasto tra gli indagati dell'inchiesta del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri di Campobasso sulla cessione dell'area delle ex acciaierie Stefana, nella zona industriale di Termoli.
Ai domiciliari è finito Vincenzo Orlando, capitano della Compagnia di Atessa ed ex vice comandante della Compagnia di Vasto, dove ha anche diretto il Nucleo operativo e radiomobile dal 2003 al 2008.
Nell'ambito delle indagini coordinate dalla Procura di Larino, sono finiti agli arresti l’ex assessore di Termoli Antonio Malerba e il manager del Cosib (consorzio industriale del Biferno) Vincenzo Abiuso. Ai domiciliari anche Salvatore Malerba, sottufficiale della Guardia di finanza di Termoli. Secondo carabinieri e magistratura, sarebbe stata falsificata una perizia relativa alle aree dell'ex acciaieria.
In base alle prime informazioni ufficiose, le accuse a carico di Grasso sarebbero associazione a delinquere e corruzione, corruzione per Orlando, mentre su Malerba penderebbero le ipotesi di reato di truffa aggravata, falso in atto pubblico, omissione in atti di ufficio, rivelazione e utilizzo di segreti d'ufficio.
Un altro filone d'indagine ha fatto scattare l'obbligo di dimora e di presentazione alla polizia giudiziaria nei confronti di Giuseppe Grasso, ex procuratore della Corte dei conti di Campobasso, residente a Napoli, e Marco Bonacina, membro della Gestore servizi energetici spa. Complessivamente gli indagati sono 12.


da vastoweb
Leggi tutto....

STANGATA SULL'U.S. SAN SALVO: MULTA DI 1.500 AL SODALIZIO BIANCAZZURRO

Mano pesante del giudice sportivo sull’U.S. San Salvo. La società del patron Torricella ha subito un’ammenda di ben 1.500 euro. Nel referto del giudice sportivo la multa è stata inflitta “perché a fine gara propri sostenitori colpivano con sputi l'arbitro in varie parti del corpo e per comportamento gravemente provocatorio ed antisportivo degli stessi, verso la terna arbitrale nel momento di lasciare l'impianto sportivo, situazione poi risolta grazie all’intervento dei CC”.
Tra i circa 300 spettatori presenti domenica al “Bucci” solo la terna arbitrale ha visto l’intervento dei Carabinieri per risolvere una situazione si con animi riscaldati ma mai violenta tale da rendere necessario l’intervento delle forze dell’ordine.
Leggi tutto....

martedì 13 dicembre 2011

SAN SALVO, GUARDIA DI FINANZA IN COMUNE: INCHIESTA DELICATA

Non sono passati di certo inosservati. Martedi' scorso, 6 dicembre, sono entrati nel municipio di San Salvo per acquisire dei documenti. I finanzieri della Compagnia di Vasto stanno conducendo un'indagine delegata dalla Procura. Un fascicolo d'inchiesta che, per ora, rimane top-secret e che ha reso necessaria una visita negli uffici comunali dei militari della caserma "Rosati". Sulla vicenda rimane il più stretto riserbo. Non dice nulla il capitano Luigi Menniti. Gli investigatori preferiscono tenere le bocche cucite in attesa degli sviluppi di un'inchiesta che consideranno delicatissima. In municipio, la Guardia di Finanza ha chiesto e ottenuto una corposa documentazione. La notizia dell'arrivo dei militari si è rapidamente diffusa in città.




da primopianomolise
Leggi tutto....

lunedì 12 dicembre 2011

DUE AUTO A FUOCO A GISSI, INDAGANO I CARABINIERI

Indagano i Carabinieri della stazione di Gissi e i colleghi della Compagnia di Vasto sull'episodio accaduto alle 21.45 di ieri sera quando due auto sono state bruciate, in località Rosario a Gissi. Le due auto bruciate sono di proprietà dei componenti della famiglia di Lorenzo Cozzolino, 40enne originario del Napoletano, esule della camorra arrestato il 24 novembre perché i militari hanno trovato nel palazzo di località Rosario due chili e mezzo di eroina, una pressa e materiale per il confezionamento delle dosi. Le fiamme hanno mandato in fumo una Fiat "500" e una Citroen "C2", in uso a LC., 40 anni e G.C., 25 anni. A domare le fiamme i Vigili del Fuoco di Gissi e Vasto. Gli inquirenti sospettano la natura dolosa del rogo.

Leggi tutto....

VASTO, DA OGGI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA ANCHE AL QUARTIERE SAN PAOLO

Da oggi la raccolta differenziata è estesa in città anche alla zona nord e al quartiere San Paolo, sicuramente il rione più popoloso di Vasto. I residenti interessati alla raccolta potranno esporre i contenitori ricevuti in dotazione secondo il calendario indicato nei materiali informativi.
A darne notizia è l’Assessore Anna Suriani.
“Il servizio parte a seguito di una buona campagna di informazione – ha sottolineato stamane l’Assessore Suriani – e dopo tutta una serie di incontri che i responsabili della Pulchra hanno avuto, nei locali della cooperativa Di Vittorio, con numerosi cittadini i quali si sono detti disponibili a collaborare nel migliore dei modi al fine di rendere efficiente il servizio.”
Nello specifico le strade interessate sono le seguenti: Via Aldo Moro, Via Alessandrini, Via Antonio Gramsci, Via Casetta, Via Civiltà del Lavoro, Via Del Porto, Via Delle Forze Armate, Via Ignazio Silone, Via Martiri della Libertà, Via Martiri della Violenza, Via Matteotti, Via Mattioli, Via Paradiso, Via Pertini, Via Ritucci Chinni, Via San Rocco e Via Spataro.
Per chiarimenti su come differenziare correttamente, i cittadini interessati possono consultare il sito internet http:/www.pulchrambiente.it// o chiamare il numero verde gratuito 800.13.10.47.
L’estensione della raccolta differenziata al quartiere San Paolo sarà monitorata anche da appositi controlli da parte della Polizia Municipale. Controlli che gli agenti della Polizia Municipale stanno effettuando da tempo anche nelle altre zone della città dove da tempo è attivo il servizio di raccolta differenziata.
Leggi tutto....

domenica 11 dicembre 2011

PESANTE KO PER L'U.S.SAN SALVO CONTRO IL MONTORIO 88

Brutto ko interno per l’U.S. San Salvo. La formazione di Marcello al “Bucci” rimedia un pesante 4-1 dal Montorio 88, vice capolista del girone. Un risultato troppo pesante per il gioco visto in campo soprattutto nel primo tempo. Gli episodi e gli errori dei biancazzurri hanno fatto la differenza in un match deciso nei minuti di recupero della prima frazione. Il tecnico sansalvese rinuncia all’indisponibile Ciarlariello e schiera dal primo minuto Izzi, sulla linea difensiva di sinistra, spostando Lombardozzi in avanti. Passano poco più di 60 secondi e il Montorio si porta in vantaggio. Traversone in area, Cianci non è sicuro nell’uscita e Palombizio ne approfitta firmando di testa l’uno a zero. Il San Salvo reagisce e al 6’, sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto da Di Pasquale, l’attaccante Marinelli di destro a volo realizza il momentaneo pareggio. Un paio di minuti dopo bella azione degli ospiti ma il San Salvo riesce a partire in contropiede e in superiorità numerica il giovane Marinelli sbaglia l’aggancio della sfera passatagli da Alberico e fa salvare gli ospiti. La partita è bella e le emozioni in campo non mancano. Al quarto d’ora trema la porta di Cianci con un tiro deviato sulla traversa dal portiere biancazzurro e salvato, dopo una mischia, sulla linea di porta dalla difesa locale. Da questa azione nasce il contropiede sansalvese con Marinelli che in velocità elude la difesa ospite e si trova solo contro il portiere ma tra l’incredulità dei presenti calcia di poco alto sulla traversa e spreca un gol già fatto. La partita continua ad essere vivace con diversi ribaltoni di fronte e occasioni da entrambi i lati. La frittata arriva al 46’ del primo tempo. Valbonesi, in posizione di probabile fuorigioco, batte l’estremo difensore sansalvese e porta di nuovo in vantaggio il Montorio tra le vibranti proteste dei locali. Al 4’ di recupero della prima frazione arriva il 3-1. Felice da solo in area scivola e perde la sfera favorendo Bucciarelli che deve solo appoggiare in rete alla sinistra di Cianci. Per i biancazzurri è una doccia fredda. Nella ripresa Marcello prova qualche sostituzione ma gli ospiti si difendono bene e provano a pungere in velocità. A chiudere le definitive speranze del San Salvo ci pensa ancora Palombizio al 65’ trafiggendo da pochi passi Cianci e realizzando il definitivo 4-1. La partita cala di ritmo e nel finale Alberico segna ma l’arbitro, su segnalazione del segnalinee, annulla perché a suo avviso la sfera raccolta dal neo entrato Crisci ha varcato la linea del fondo campo. Al triplice fischio il Montorio 88 esulta e i biancazzurri protestano, in maniera composta, per la direzione di gara all’inglese di Nicolò Zizza della sezione di Finale Emilia e per le discutibili decisioni prese dal guardalinee.
In attesa dei rinforzi dal mercato, quasi sicuramente arriveranno un difensore e un centrocampista centrali, la compagine biancazzurra si prepara a ricevere domenica al “Bucci” il Castel Di Sangro in una sfida importante in ottica salvezza.
Nel resto della giornata sconfitta anche per il Vasto Marina, 2-0, sul campo del Mosciano.
Nel campionato di promozione pareggio interno della Virtus Cupello mentre cede 4-1 sul terreno dell’Altinrocca il Real San Salvo.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

sabato 10 dicembre 2011

SAN SALVO, FURTI NELLE AUTO: STATO DI LIBERTA' E DOMICILIARI PER I DUE GIOVANI

Sono stati convalidati questa mattina, dal Tribunale di Vasto, i provvedimenti di arresto nei confronti dei due giovani bloccati dai Carabinieri della stazione di San Salvo mentre stavano rubando degli oggetti all'interno di alcune auto parcheggiate in via Adige.
Il Gip Stefania Izzi ha disposto la reimissione in libertà per Lorena Di Croce, 24 anni, e la disposizione degli arresti domiciliari per Tony Mastrippolito, 34enne. I due giovani di San Salvo sono difesi dagli avvocati Pierpaolo Andreoni e Luigi Di Penta.
Il processo, con rito alternativo, verrà celebrato nei prossimi giorni.
Leggi tutto....

venerdì 9 dicembre 2011

RUBANO NELLE AUTO, DUE PERSONE ARRESTATE A SAN SALVO

Con l’accusa di furto e danneggiamento aggravato i Carabinieri della stazione di San Salvo in collaborazione con i colleghi del nucleo radiomobile della Compagnia di Vasto hanno arrestato due persone di San Salvo. A finire in manette sono stati Tony Mastrippolito, 34enne disoccupato già conosciuto alle forze dell’ordine, e Lorena Di Croce, 24 anni, disoccupata. I dettagli dell’operazione, messa a segno ieri mattina alle 4, sono stati resi noti dal capitano Giuseppe Loschiavo insieme al sottotenente Loredana Lenoci e al maresciallo Roberto Di Martino, vice comandante della Stazione di San Salvo. Dopo una segnalazione giunta al 112, i militari dell’Arma hanno colto i due mentre stavano rubando all’interno di alcune auto parcheggiate in via Adige. In seguito a successivi controlli si è scoperto che i due avevano rubato in ben quattro autovetture. La merce è stata restituita ai leggittimi proprietari mentre i due sono stati condotti nel carcere di Vasto e Chieti a disposizione dell’autorità giudiziaria.

L.D.S.
Leggi tutto....

giovedì 8 dicembre 2011

L'U.S. SAN SALVO NON SI FERMA, SECONDA VITTORIA CONSECUTIVA PER I BIANCAZZURRI

Torna il sereno in casa U.S. San Salvo. I biancazzurri di Marcello escono vittoriosi dal terreno del Martinsicuro con il risultato di 3-1. Dopo la vittoria di sabato contro il Guardiagrele arrivano nuovamente i tre punti indispensabili in chiave salvezza. La vittoria di sabato ha ridato morale e sicurezza all'intero ambiente. A sbloccare il match è il grintoso Felice all'undicesimo minuto del primo tempo. Il raddoppio sansalvese arriva dai piedi del centravanti Alberico al 35'. Nella ripresa la compagine locale si rifà sotto è al 52' Celi accorcia le distanze. Il sigillo alla gara arriva al 67' grazie al bomber Marinelli che in velocità supera un difensore locale e realizza il 3-1. Al novantesimo sono i biancazzurri a trionfare per tre reti a uno. Con questa vittoria i ragazzi del patron Torricella, scavalcano in classifica il Guardiagrele, e dopo diverse giornate escono dalla zona play-out.
Domenica difficile match per Farina e compagni. Allo stadio "Bucci" arriva la vice capolista Montorio 88. In questi giorni il direttore Nicola Di Santo tenterà di rinforzare la rosa biancazzurra con l'acquisto di un centrale di difesa e uno di centrocampo. Non fanno parte più della rosa sansalvese Antenucci, accasatosi a Montenero di Bisaccia, e D'Ercole ancora in cerca di una sistemazione.
Nel resto della giornata pareggio interno per 2-2 del Vasto Marina contro l'Alba Adriatica.
Nel campionato di promozione inatteso pareggio per 1-1 del Real San Salvo contro la Vis Pianella, mentre torna alla sconfitta,1-0 sul terreno del Caldari, la Virtus Cupello di Carosella.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

CAMION RUBATO RECUPERATO DALLA POLSTRADA DI VASTO SUD

Un autocarro “Iveco 35” è stato recuperato questa notte dagli agenti della polizia autostradale di Vasto Sud al chilometro 428, in carreggiata sud, dell’A14. Poco prima delle 3, gli agenti impegnati nel normale servizio di pattugliamento, hanno notato il mezzo parcheggiato nell’area di servizio Sangro. Dopo i controlli del caso il mezzo è risultato rubato a un artigiano di Roseto Degli Abruzzi nella serata precedente. Il mezzo recuperato è stato riconsegnato al legittimo proprietario. Dei ladri non c’è nessuna traccia.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

NUOVO CONTRATTO DI LAVORO ALLA PILKINGTON DI SAN SALVO

Dopo due giorni di intense trattative è stato raggiunto l’accordo tra i sindacati e i vertici della Pilkington di San Salvo sul nuovo contratto di lavoro. Diverse le novità presenti. Tra i punti principali spicca la riduzione delle pause da 80 a 65 minuti, con esenzione per i soli addetti alle operazioni manuali. I nuovi assunti, per ben sei anni, avranno un salario d’ingresso ridotto infatti percepiranno solo metà del premio produzione. L’azienda si è impegnata anche a stabilizzare, a partire dal gennaio prossimo, 35 lavori interinali presenti in fabbrica da diversi anni. Ad inizio anno la multinazionale giapponese ha annunciato due settimane di cassa integrazione ordinaria per i propri dipendenti. L’accordo ora passerà al vaglio delle assemblee dei lavoratori per la definitiva approvazione del nuovo contratto.


da vasto24.it
Leggi tutto....

mercoledì 7 dicembre 2011

IL PALAZZO DI IORIO A RISCHIO CROLLO

Alcune settimane fa è stato isolato e transennato in piazza San Vitale, in pieno centro storico, il palazzo appartenuto alla famiglia Di Iorio e poi Bruno. Un atto dovuto alla necessità di tutelare l’incolumità dei cittadini, poiché le lesioni e le infiltrazioni d’acqua, non solo recenti, stavano compromettendo la statica dell’edificio, che dunque in mancanza di interventi potrebbe anche parzialmente crollare.
E’ l’ennesimo colpo al piccolo ma importante borgo di età medievale e moderna di San Salvo, che di demolizioni e di crolli ne ha subiti tanti, anche nell’ultimo decennio.
Circa un anno fa, nelle vicinanze, al II vico di piazza San Vitale, per incuria era crollato un bel seminterrato cinquecentesco impostato su pilastri reggenti volte a crociera in laterizio. Poiché i pochissimi seminterrati o edifici cinquecenteschi rimasti sono a loro volta in abbandono e in stato di degrado, un possibile crollo del palazzo Di Iorio-Bruno non solo segnerebbe la fine di quel poco che è scampato alla distruzione de “i nuovi barbari” ma renderebbe del tutto irriconoscibile il borgo più antico di San Salvo nella sua identità storico-architettonica.
Non dimentichiamo che questo palazzotto, che fronteggia il lato settentrionale della Chiesa di San Giuseppe (già chiesa del monastero di Santo Salvo) campeggia in quasi tutte le fotografie d’epoca che ritraggono la facciata e il campanile della medesima San Giuseppe.
Secondo lo storico londinese Andrew Slade, la famiglia Di Iorio era originaria dell’area della Maiella, forse della zona di Torricella Peligna, e si sarebbe stabilita a San Salvo a seguito della transumanza lungo il tratturo L’Aquila-Foggia o, più verosimilmente, per aver a lungo usufruito dei pascoli invernali detti “a Stucco”, che San Salvo metteva a disposizione dei pastori abruzzesi che svernavano lungo la fascia costiera.
La parte originale cinquecentesca dell’edificio è costituita dal piano terra (in parte seminterrato) e dal primo piano. La sua facciata è contenuta tra due marcate lesene in laterizio, tipiche dell’epoca; il portale è anch’esso coevo e (sebbene incrostato di cemento) costituisce l’ultimo esempio di portale rinascimentale ancora presente a San Salvo. Il secondo piano è invece solo una sopraelevazione o superfetazione di fine Ottocento/primo Novecento, in uno stile di transizione dal neoclassico al liberty, che si potrebbe sia mantenere che demolire (essendo il più compromesso dalle infiltrazioni di acqua piovana). Interessante è anche la parte retrostante, su via Martiri d’Ungheria, dove si evidenziano bene sia la struttura muraria (in pietra di fiume spaccata e ricorsi di mattone pieno) che le caratteristiche finestre o finestrelle rinascimentali.
Nella normativa del Piano di Recupero Centro Storico del 2001, il palazzo Di Iorio-Bruno è considerato tra gli “edifici di particolare interesse architettonico” dunque suscettibile solo di interventi di “manutenzione esterna e restauro”. In occasione dell’approvazione del Piano, il Comune di San Salvo aveva peraltro manifestato l’intenzione di acquisire l’edificio, di restaurarlo e poi di adibirlo a uffici o a luogo di rappresentanza. In dieci anni, gli amministratori sono stati in grado solo di acquistare il bene senza finanziare e promuovere alcun progetto di recupero funzionale.
Il seguito lo vedremo presto, nei prossimi mesi, se cioè si farà qualcosa per salvare l’edificio e conservarlo oppure lo si abbandonerà al crollo (magari cantandoci sopra “Sande Salve belle!”) per poi sostituirlo con l’ennesima stucchevole riedificazione kitsch.

Giovanni Artese
Leggi tutto....

martedì 6 dicembre 2011

SAN SALVO,VIA BORROMINI A SENSO UNICO: E' POLEMICA

Cambia la segnaletica e scoppia la protesta. Si lamentano i residenti di via Tiepolo e via Borromini a San Salvo. Dal pomeriggio odierno il comune di San Salvo ha incredibilmente trasformato a senso unico di marcia, solo in salita, via Borromini. Anche la parallela di questa arteria, via Luca Della Robbia, dove è presente la scuola Primaria di via Ripalta è a senso unico solo a salire. Praticamente i residenti di via Borromini e via Tiepolo non possono più accedere direttamente su via Montenero. Enorme il disagio per i cittadini se aggiungiamo che in quell’incrocio è presente anche un cantiere edile e durante l’orario scolastico in quella zona il traffico è intenso. Per risolvere il problema con l’intersecazione in via Montenero bastava semplicemente sanzionare gli automobilisti indisciplinati che parcheggiano in pieno incrocio e far spostare di pochi metri qualche venditore ambulante che spesso sosta al centro dello stop. I cittadini della zona già annunciano dure proteste agli uffici comunali.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

IDENTIFICATI E DENUNCIATI I COMPONENTI DELLA "BABY GANG" CHE LO SCORSO AGOSTO HANNO AGGREDITO UN RAGAZZO

Quattro ragazzi sono stati denunciati, dagli agenti del Commissariato di Vasto, per aver aggredito un ragazzo romano il 9 agosto a Vasto Marina mentre si svolgeva la manifestazione estiva “La notte rosa”.
IL ragazzo aggredito era in compagnia di un’amica quando il branco lo ha avvicinato.
L’unico maggiorenne del gruppo gli ha intimato di seguirlo nella pinetina adiacente un piccolo luna park: voleva chiarimenti sulle amicizie da lui intrattenute con delle ragazze del posto.
In un primo momento la vittima ha rifiutato, poi, visto che il ragazzo continuava ad insistere mostrando un atteggiamento di sfida, insieme all’amica, l’aveva seguito con la speranza di essere poi lasciato in pace.
Lontano dai rumori assordanti del luna park e con la complicità del buio si consuma il pestaggio.
IL capo branco tira un violento colpo sul viso del ragazzo e quasi contemporaneamente sbucano da varie direzioni altri ragazzi che lo colpiscono selvaggiamente con calci e pugni, fino a quando il ragazzo cade a terra.
La ragazza urla e tenta di fermare gli aggressori, ma la musica è troppo forte, nessuno la sente.
Non a caso gli aggressori avevano scelto quel momento per colpire.
Fortunatamente la scena non è sfuggita ad un ragazzo di passaggio che interviene in soccorso del malcapitato e mette in fuga il branco.
La vittima viene portata in ospedale con un’ambulanza dove viene giudicato guaribile in 80 giorni.
Gli operatori della Squadra Volante del Commissariato, prontamente intervenuti, in base alle descrizioni fornite dalla ragazza riescono ad individuare e ad identificare due degli aggressori.
Le successive indagini svolte dalla Squadra Anticrimine, coordinata dal Dirigente Dott. Ciammaichella, hanno permesso di identificare l’intero branco.
Al fine di identificare ed accertare le responsabilità dei soggetti del “branco” è stata effettuata una scrupolosa indagine, nel corso della quale è stata ricostruita l’intera situazione.
Preziose si sono rivelate le informazioni raccolte e le successive individuazioni fotografiche, alla luce anche del sistema di videosorveglianza.
Il “branco” era costituito da 8 ragazzi, ma solo 4 hanno partecipato all’aggressione, tutti minorenni ad eccezione del “leader”. Proprio quest’ultimo, insieme ad altri tre appartenenti al gruppo, aveva guidato il branco nell’aggressione, anche sferrando il primo colpo.
I tre minori sono stati segnalati al Tribunale dei minori dell’Aquila, mentre il maggiorenne, identificato per P.G.D. è stato deferito alla locale A.G..
Dovranno rispondere di lesioni aggravate in concorso.

L.D.S.
Leggi tutto....

domenica 4 dicembre 2011

INCENDIO TRA SAN SALVO E CUPELLO, A FUOCO STERPAGLIE E RIFIUTI

Un incendio è divampato ieri sera a poche decine di metri dallo svincolo della strada Statale 650 Trignina a San Salvo. Ad andare in fiamme, a confine tra il territorio di San Salvo e c.da Bufalara di Cupello, sono state delle sterpaglie in cui si trovavano pneumatici abbandonati e altri rifiuti. Sul posto sono stati impegnati con due autobotti gli uomini del distaccamento dei Vigili Del Fuoco di Vasto che hanno spento il rogo e bonificato la zona. Sul posto a dirigere la viabilità ed a evitare che il fumo creasse disagi alla circolazione è giunta una pattuglia della Polizia Locale di San Salvo.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

I VIGILI DEL FUOCO DI VASTO CELEBRANO LA PROTETTRICE SANTA BARBARA

Come da tradizione, si è ripetuta questa mattina, presso la caserma dei Vigili Del Fuoco di Vasto, la cerimonia in onore di Santa Barbara. I Vigili del Fuoco hanno iniziato la manifestazione, in onore della loro protettrice, passando in rassegna i vari mezzi in dotazione al locale distaccamento. Sull’autoscala un pompiere ha issato la bandiera italiana per celebrare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Gli uomini del comandante Cosimo Colameo hanno sfilato davanti alla lapide posta sulla facciata della caserma in ricordo dei vari caduti dell’importante “corpo”, ma non hanno deposto la tradizionale corona poiché non fornita dal comune per un disguido. Alla cerimonia hanno preso parte il presidente del consiglio comunale di Vasto Giuseppe Forte, gli assessori Nicola Tiberio e Marco Marra, i volontari della Protezione Civile di Monteodorisio e dell’Arcobaleno di San Salvo, il gruppo Alpini di San Salvo e diverse autorità civili e militari. La cerimonia si è conclusa con la Santa Messa celebrata da don Giovanni Pellicciotti, parroco di San Giuseppe. Gli interventi nel 2011 dei pompieri del distaccamento di via Madonna dell’Asilo sono stati molteplici e di varia natura: incendi boschivi, incidenti stradali, allagamenti, incendi di autovetture e caminetti e tanti altri ancora.

da vasto24.it
Leggi tutto....

SCUOLA DI PALLAVOLO BTS SAN SALVO: OTTENUTO IL MARCHIO DI QUALITA' PER IL BIENNIO 2012-2013

E alla fine è arrivato anche lui: il Marchio di qualità, la ciliegina sulla torta di una stagione da incorniciare.
Dopo il premio della Fipav Chieti come “Società più attiva della Provincia”, la riconferma del titolo di Scuola di Pallavolo Federale, la Fipav Nazionale riconosce alla BTS anche il titolo di “Marchio di qualità”.
Questo titolo viene assegnato, dopo attente selezioni, tenendo conto oltre che dei risultati sportivi, anche del livello della professionalità di chi vi opera, le qualifiche dei vari allenatori, il numero di atleti che vengono convocati nelle varie rappresentative, i camp organizzati.
In Abruzzo, su oltre duecento società, solo in 17 si sono aggiudicate questo titolo, e la B.T.S. è tra le poche ad avere questo riconoscimento sia nel maschile che nel femminile.
Merito di questi successi è lo Standard QUALITATIVO che la BTS propone: all’interno della società operano solamente Tecnici Qualificati all’attività giovanile, ovvero allenatori tesserati Fipav, Laureati o laureandi in Scienze Motorie, magistralmente diretti dal Direttore della Scuola di Pallavolo, Prof. De Risio Angelo, che coordina il lavoro tecnico. Merito del successo và ovviamente attribuito al lavoro svolto in tutte le Scuole, dalla Primaria fino alle Medie.

Il Presidente Natale Michelino “non posso che essere orgoglioso di questi riconoscimenti, e pensare che la stagione è appena iniziata! la qualità dei nostri servizi è il nostro punto di forza, e ne sono la prova il Premio appena conquistato, e le ripetute convocazioni alle Selezioni Provinciali e Regionali dei nostri ragazzi.
Qualche anno fa, se avevamo un ragazzo di talento, per dargli le migliori opportunità di crescita dovevamo mandarlo in prestito magari a Ortona o a Chieti, mentre ora siamo anche noi tra le società che i giovani di realtà pallavolistiche più piccole guardano con riferimento, per vestire con orgoglio la nostra maglia. Nonostante questi Premi puntiamo a migliorare ancora, per offrire sempre il meglio ai nostri ragazzi e a chi crede in noi.”


Scuola di Pallavolo B.T.S.
Leggi tutto....

sabato 3 dicembre 2011

IL SANSALVESE GERMANO DI LAUDO ALLA GUIDA DELLA CGIL DI CHIETI

Difendere e promuovere i diritti dei lavoratori, dei pensionati e delle persone più deboli, tutelare il reddito da lavoro e da pensione, garantire una contrattazione efficace nazionale ed aziendale, negoziare con le Autonomie Locali migliori condizioni tariffarie che incidono sulla fruizione di beni e servizi essenziali (acqua, energia, servizi sociali e sanitari, trasporti,..).
Sono questi i principali punti programmatici che sono stati illustrati al Comitato Direttivo della CGIL di Chieti dal neo segretario eletto Germano DI LAUDO.
Nella giornata di ieri (1 dicembre 2011), infatti, il Comitato Direttivo ha provveduto ad eleggere Germano Di Laudo, 57 anni nato a Torrebruna (CH) residente a San Salvo, segretario generale della Camera del Lavoro provinciale.
Germano Di Laudo, fino a ieri, ha ricoperto l’incarico di segretario regionale dello SPI CGIL e nella provincia di Chieti, nel suo lungo trascorso sindacale, ha assunto la direzione di numerose categorie e della stessa confederazione in qualità di segretario organizzativo.
Di Laudo sostituisce Michele Marchioli, che ha completato il periodo massimo definito dallo statuto per il quale è possibile ricoprire detta carica (8 anni), alla guida della CGIL Teatina che conta 32.168 iscritti tra lavoratori, pensionati e disoccupati.
L’obiettivo di conseguire maggiori opportunità lavorative, adeguate e stabili, alle donne, ai giovani ed a quanti in questi ultimi anni hanno perso il posto di lavoro è la scommessa che tutto il gruppo dirigente ha condiviso ed ha affidato al neo segretario l’esigenza di guidare la Camera del Lavoro per vincerla.

Leggi tutto....

MARINELLI E ALBERICO STENDONO IL GUARDIAGRELE: DOPO DUE MESI TORNA ALLA VITTORIA L'U.S. SAN SALVO

Dopo esattamente settanta giorni di astinenza torna alla vittoria l’U.S. San Salvo. Nell’anticipo del campionato di Eccellenza i biancazzurri hanno superato per 2-1, fra le mura amiche, il Guardiagrele. Una partita giocata a ritmi blandi anche se il San Salvo ha ampiamente meritato la vittoria soprattutto per quanto fatto vedere nella ripresa. Rispetto a domenica scorsa Marcello manda in campo Argirò al posto di Di Pietro e Alberico al posto dell’acciaccato Felice, arretrando in difesa al fianco di Ciarlariello il bravo Rossi.
Nei primi minuti le due squadre si equivalgono con il San Salvo sceso in campo quasi con lo stesso spirito, poco combattivo, visto domenica a Vasto. Con il passare dei minuti il San Salvo cresce ma alla prima azione la squadra ospite passa in vantaggio. Letta si presenta solo davanti a Cianci, il tiro del giocatore ospite si insacca in rete. Per il San Salvo è un duro colpo, ma i biancazzurri continuano a giocare leggermente meglio degli avversari e al 33’ vanno vicino al pareggio con il tiro cross di Marinelli sul quale Alberico, a portiere battuto, non ci arriva di un soffio. Nella ripresa la compagine ospite non si vede quasi mai in avanti. Il tecnico biancazzurro inserisce Di Pietro e Cardarella per Argirò e Crisci. La mossa di Marcello risulta esatta pochi minuti dopo, esattamente al 69’. Cardarella serve un bel pallone a Marinelli che calcia la sfera e ristabilisce la parità. I biancazzurri ci credono e la squadra ospite rischia di capitolare nel finale. All’ottantaquattresimo Alberico calcia a portiere quasi battuto ma non inquadra bene lo specchio e la difesa ospite si salva. Tre minuti dopo il giovane Marinelli calcia male a pochi passi e l’estremo difensore ospite blocca a terra. Quando iniziano a scorrere i titoli di coda arriva la sorpresa. Calcio d’angolo per il San Salvo, Alberico colpisce di testa e sigla il 2-1 per l’esultanza dei tifosi sansalvesi. Nei due minuti finali al “Bucci” grande tifo dei presenti in tribuna che al 94’ esultano per questa vittoria tanto meritata quanto sofferta. Tre punti pesanti in chiave salvezza per i ragazzi del patron Torricella e per il tecnico Marcello che puntella la propria panchina. Con questa vittoria e in attesa delle gare di domani il San Salvo risale al quintultimo posto ad una lunghezza dalla zona salvezza. Per il San Salvo giovedi’, nel turno infrasettimanale, altra sfida salvezza sul terreno del Martinsicuro.
Nel campionato di promozione grandissima vittoria in casa della Virtus Cupello che a due minuti dal termine si aggiudica il match grazie alla rete di Del Bonifro.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

venerdì 2 dicembre 2011

"LE FAVE DI SAN NICOLA", LUNEDI' LA TRADIZIONALE MANIFESTAZIONE A POLLUTRI

Si ripete lunedi' 5 dicembre, con inizio alle ore 18, la tradizionale manifestazione delle "Fave di San Nicola" a Pollutri.
La festa di San Nicola, protettore dei pastori, è una manifestazione arcaica legata al culto di San Nicola, patrono del paese di Pollutri. Secondo la tradizione il Santo avrebbe salvato la gente del Paese, durante una terribile carestia, moltiplicando a dismisura un pugno di fave riuscendo a sfamare tutti. Da allora, ogni anno a ricordo dell’avvenimento, la sera del 5 dicembre, vengono predisposti sul sagrato della Chiesa del SS Salvatore dei calderoni in cui vengono lessate le fave ed appena pronte vengono distribuite insieme al pane ed al vino a tutti i presenti.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

SABATO L'ANTICIPO DI CALCIO TRA L'U.S. SAN SALVO E IL GUARDIAGRELE

Si giocherà domani, sabato 3 dicembre, con inizio alle 14.45 il match, valevole per la 15a giornata del campionato di Eccellenza, tra l'U.S. San Salvo e il Guardiagrele. La sfida è di vitale importanza in ottica salvezza per entrambe le formazioni. La squadra biancazzurra, in attesa di qualche rinforzo dal mercato, dovrà assolutamente conquistare i tre punti. A dirigere l'incontro sarà Di Gioia della sezione di Nola.

Luca Di Sciascio
Leggi tutto....

giovedì 1 dicembre 2011

RUBANO UN CAMION: DUE UOMINI BLOCCATI E DENUNCIATI DALLA POLIZIA DI VASTO

Un segnale per disturbare la rilevazione satellitare non è bastato a due pugliesi che tentavano di portare verso sud un camion rubato nelle Marche. Gli agenti del commissariato di Vasto hanno infatti denunciato per ricettazione R.L., 50 anni e L.N., 51 anni, entrambi residenti a Trinitapoli, in provincia di Barletta-Andria-Trani. I due sono stati fermati per controlli alle 8,30 di stamane al chilometro 518 della statale 16, in territorio di Vasto, a bordo di un autotreno. Sul rimorchio del mezzo pesante c'era un autocarro, risultato rubato in nottata a Falconara Marittima, di proprietà della ditta Grassi di Vasto, impegnata in un cantiere nelle Marche.

I pugliesi speravano di farla franca perchè, per impedire l'individuazione del veicolo rubato, dotato di antifurto satellitare, avevano attivato sul tir un segnale in grado di disturbare la rilevazione della posizione esatta. L'autocarro è stato restituito all'impresa vastese, mentre l'autotreno è stato sequestrato e affidato in custodia giudiziale alla ditta Ciavatta di San Salvo.

Nel corso dei controlli odierni della polizia, effettuati in collaborazione con il reparto prevenzione crimine di Pescara, gli agenti hanno inoltre controllato 25 automezzi, elevato otto contravvenzioni, controllato 12 persone agli arresti domiciliari.

A.G.I.
Leggi tutto....

OPERE PUBBLICHE A SAN SALVO, LE RIFLESSIONI DI GIOVANNI ARTESE

Con il presente articolo prosegue la nostra analisi sull’attività amministrativa del periodo 1994-2011 a S. Salvo, ancora con l’obiettivo di offrire elementi di conoscenza su argomenti che riteniamo di interesse generale.
Il tema questa volta riguarda le opere pubbliche, soprattutto le maggiori, perché se anche le minori sono importanti certo non appaiono determinanti sulla realtà economica, sociale e culturale locale. Con una premessa, però. Viviamo un tempo di scarsa moralità, in cui l’etica è diventata del tutto soggettiva, personale, perciò incapace di regolare i comportamenti collettivi. In compenso godono di sempre maggiore credito valori come l’utilità e la bellezza, tanto nelle prospettive individuali che sociali. Ci si impegna per un utile, un vantaggio; la bellezza la si persegue nel privato e nel pubblico. Ebbene, a S. Salvo, dove la città continua a crescere nello spazio e nella popolazione (persino in periodo di crisi economica!), si è invece da tempo imposta una logica, da parte di istituzioni quali il Comune e il Consorzio di Industrializzazione del Vastese, che va quasi del tutto all’opposto, cioè in direzione dell’inutilità e della bruttezza.
Ne sono prova diverse grandi opere pubbliche realizzate tra il 1994 e il 2011, certamente condizionate dalle scelte urbanistico-architettoniche compiute in precedenza o nel periodo considerato ma per quali sono state poi decise soluzioni progettuali ed esecutive spesso di basso profilo.
Tra le prime opere messe in campo c’è la riedificazione della “Porta della Terra” (costata all’incirca un miliardo di lire dell’epoca). I lavori iniziarono nel 1997 ma in realtà la sua ideazione risale agli anni Ottanta del ‘900, quando alcuni cittadini, traumatizzati dalla demolizione della vecchia Porta, cominciarono nostalgicamente a dire: “Arevuléme la Porte de la Térre!”. Recepiti i finanziamenti, il progetto fu tenuto nel cassetto (altro che confronto pubblico!) sicché solo all’inizio dei lavori potemmo vederlo e soffrire, perché ormai immodificabile. Nel progetto, l’unico riferimento al borgo antico appariva la facciata della chiesa di S. Giuseppe, che però era stata ricostruita nel 1965. Pertanto l’opera risultava del tutto avulsa dal contesto urbano e neppure così innovativa da creare una qualsiasi curiosità o interesse (Vitale Artese aveva scritto qualche tempo prima: “S. Salvo è SIV, la SIV è vetro. Facciamo la Porta Invisibile, facciamo la Porta di Vetro!”, uno spunto originale, per nulla tenuto in considerazione). La pillola amara fu addolcita dai ritrovamenti archeologici della città romana, che svelarono a parecchi consiglieri comunali, che non ci avevano mai creduto, quanto antica e rilevante fosse la storia della nostra città. Una volta terminati i lavori il monumento sarebbe risultato antistorico al punto che nessuno, proprio nessuno a S. Salvo volle riconoscerlo (un ragazzino delle Scuole Medie, in occasione di una recita, davanti alle autorità, ebbe l’ardire di definirlo: “Una stazione ferroviaria”!).
Più o meno negli stessi anni, poiché si era avviato il dibattito sulla rivitalizzazione del Centro storico, si poneva il problema dei parcheggi, con relative proposte. Una, avanzata dal Sindaco, si riferiva ad un parcheggio sotterraneo in piazza S. Vitale. A stento si riuscì a farlo desistere, ben sapendo che sotto la piazza c’erano resti archeologici (gli stessi poi scavati nel periodo 1997/2005). Così gli amministratori si orientarono per un megaparcheggio su via Montegrappa che, seppure contestato dagli abitanti della zona, venne poi effettivamente realizzato (con circa un miliardo e mezzo di lire). L’opera, poggiante su di un declivio collinare in parte sbancato, risultava ben presto non a norma, sgradevole e poco funzionale. Il fatto è che si era guardato al modello di Perugia o di Chieti, città storiche arroccate su alti terrazzi, dove i parcheggi in basso all’esterno hanno il pregio di accogliere le auto consentendo ai conducenti e passeggeri di poter coprire con facilità la differenza altimetrica grazie a degli ascensori. Pensate che quando ci è accorti che a S. Salvo questo modello non poteva funzionare si è arrivati a proporre la costruzione di un tunnel che collegasse direttamente il megaparcheggio con la piazza S. Vitale! Un’ipotesi che avrebbe distrutto le strutture ipogee della città romana e medievale e creato un inevitabile dissesto idrogeologico nell’area interessata. Anche in questo caso, almeno, gli amministratori vennero convinti a rimanere fermi. Dopo un inutile tentativo di utilizzarlo come tale, il parcheggio venne quindi affidato alla Protezione Civile, che per qualche tempo ne ha fatto una rimessa per i suoi mezzi e una base per la sua logistica; ora giace in stato di degrado e di perfetto abbandono.
Qualche settimana fa abbiamo letto un interessante intervento del movimento Cinque Stelle di S. Salvo sull’argomento, con delle proposte per un riutilizzo o diverso utilizzo della struttura perché non rimanga all’infinito nello stato attuale. Un intervento apprezzabile nei contenuti, lodevole nelle finalità che tuttavia presenta un limite: di non tenere conto che l’intera opera è praticamente irrecuperabile, in quanto è stata interessata da un incendio, probabilmente doloso, che ha reso precarie le sue stesse strutture portanti. Perciò si tratterebbe di trovare somme cospicue (milioni di euro), in tempo di chiari di luna per le finanze pubbliche, per demolirlo e riedificarlo. Personalmente avrei un’altra idea (visto che persino un ricorso dei consiglieri comunali dell’opposizione alla Corte dei Conti per individuare le responsabilità dello scempio è rimasto senza seguito): lasciare tutto com’è e apporre sulla facciata dell’edificio una lapide con scritto: “OPERA REALIZZATA DAL SINDACO TAL DEI TALI E DALL’AMMINISTRAZIONE DELL’EPOCA, AL PREZZO DI UN MILIARDO E MEZZO DI LIRE, A FUTURA MEMORIA PER I CITTADINI E AD AMMONIMENTO PER QUANTI INTENDANO GOVERNARE LA CITTÀ DI S. SALVO.
Della “sistemazione” di via M. D’Azeglio, progetto collegato al Piano di Recupero del Centro Storico, abbiamo parlato in un precedente articolo, mettendo in evidenza che l’intervento (per circa 220.000 euro nel 2001/2002) non ha portato, come previsto, a creare una nuova area di verde pubblico ma solo un piccolo parcheggio a servizio di chi ci abita vicino. Così abbiamo in parte detto dei rifacimenti della villa comunale (costati oltre un milione di euro), che riaperta al pubblico - dopo una lunga cantierizzazione - nel 2005, ha subito dato l’idea di un grande caos, dovuto soprattutto all’assenza di riferimenti urbanistici e ad una concezione del verde pubblico come luogo d’immagine piuttosto che luogo di relax, socializzazione e trionfo della natura.
Infatti il nuovo progetto:
a) ha eliminato l’importante e razionale strada di collegamento tra via Istonia e l’edificio della scuola media “S. D’Acquisto”, costringendo i 600 alunni, i docenti, e il personale tutto dell’edificio scolastico ad entrare ed uscire soprattutto dalla retrostante strada E. Toti, peraltro né larga né comoda;
b) ha rinunciato alla faraonica ma sensata idea di collegare via Roma e piazza Aldo Moro attraverso un boulevard che invece si è trasformato in un intrico di strade, stradine, larghi ecc. tutti fortemente cementificati.
Tra gli altri progetti approntati per il Comune ed eseguiti nel periodo successivo ne consideriamo almeno due: il teatro comunale e il collegamento tra il vecchio e il nuovo Cimitero. Circa un terzo importante intervento, quello per il “Porto turistico” alla Marina, essendo a confine con il territorio di Montenero di Bisaccia ne rinviamo l’approfondimento ad una trattazione sull’area metropolitana Vasto-S. Salvo-Montenero.
La realizzazione del “teatro comunale”, una struttura da 4 milioni di euro, avrebbe dovuto costituire per gli amministratori il “fiore all’occhiello” della città di S. Salvo. In carenza di fondi, la costruzione dell’opera è proceduta in questi ultimi anni a lotti o fasi, sicché a tutt’oggi risulta non terminata. Il fatto è che, dal 1994, il centrosinistra si era impegnato nei suoi programmi a dotare S. Salvo di un cinema-teatro o sala polifunzionale, che potesse rispondere alle esigenze di spettacolo, divertimento e confronto dell’intera cittadinanza. Falliti alcuni tentativi, ha optato per quest’opera che non si sa a chi dovrebbe servire e come finanziare poi nella gestione ordinaria (ammesso che sarà un giorno funzionante), visto che quasi tutti i teatri in Italia sono in grande difficoltà e pieni di debiti. Un solo esempio: sul Teatro Marrucino di Chieti, con un’utenza molto più ampia della nostra, pesano oltre 4 milioni di euro di debito! Dunque, ci ritroviamo adesso con un bunker in cemento armato edificato dentro un vallone, in un’area a rischio idrogeologico (non dimentichiamo che tutte le acque di scolo di via Duca degli Abruzzi e strade collegate defluiscono alla villa comunale e a piazza Aldo Moro) che difficilmente potrà svolgere quella funzione per cui è nato e che difficilmente potrà essere riconvertito ad altra funzione.
Quanto al collegamento tra i due cimiteri tramite una passerella, per la cui realizzazione è stato dapprima fatto avanzare il nuovo Cimitero e poi infossata e incurvata la strada di Circonvallazione, una delle principali arterie del traffico cittadino, il tutto per circa un milione e trecentomila euro, questo presenta un vantaggio e degli svantaggi. Il vantaggio è che ora si può andare dal cimitero vecchio al nuovo e viceversa senza problemi; gli svantaggi sono costituiti dall’eliminazione dello spazio antistante il nuovo cimitero, usato in precedenza anche come parcheggio auto, e dall’orribile soluzione scelta per la strada, che s’infossa bruscamente, con disagio di chi guida, e che può costituire una vera e propria trappola in caso di violenti temporali. In altri termini non si è neppure considerata un’alternativa, come, ad esempio, la semplice realizzazione di un passaggio pedonale sotterraneo (tenuto conto che la pendenza tra il vecchio cimitero - più in alto - e il nuovo - più in basso - avrebbe agevolato l’impresa) o qualcos’altro di più leggero e meno costoso.
Ci sono poi le realizzazioni fuori o dentro la città, che riguardano il Consorzio Industriale del Vastese, la Regione e la Provincia più che il Comune; ma in cui anche il Comune di S. Salvo, sul cui territorio sono sorte, ha delle responsabilità. La più onerosa e nello stesso tempo la più inutile è stata la realizzazione dell’Autoporto, un’opera obsoleta costata oltre 30 milioni di euro, inaugurata due-tre volte e che da sempre giace in stato di abbandono, alla mercé delle erbacce e dei vandali. Il progetto era nato per creare una struttura a servizio dell’autotrasporto, con l’ingenua aspettativa che i tir provenienti dal Sud o dal Nord si fermassero a S. Salvo per rifornimenti, soste notturne, riparazioni, stoccaggio delle merci ecc. (quando sappiamo che un tir che parte dalle Puglie la sera, la mattina dopo è già nel Nord-Italia oppure oltre). Avrebbe dovuto inoltre essere collegato al sistema ferroviario nazionale (tramite la ferrovia di servizio dell’area industriale di S. Salvo) e al porto di Vasto. Questo non è ancora avvenuto. Tuttavia, recentemente, la Confindustria del Vastese ha riproposto l’allacciamento ferroviario dell’Autoporto nonché un nuovo progetto per la realizzazione di una ferrovia Vasto-Gaeta.
Onestamente ci chiediamo: ma come è possibile, se la ferrovia di servizio dell’Area Industriale non è mai entrata in funzione ed è ora coperta dalla vegetazione, in alcuni tratti persino occupata da privati? E che senso avrebbe la costruzione di una linea ferroviaria Vasto-Gaeta (a distanza di un secolo dal primo tentativo!), che affiancherebbe l’attuale statale 650 Trignina senza alcun vantaggio per il trasporto delle merci e delle persone? Non basterebbe - in caso di necessità - semplicemnte raddoppiare la Trignina tra S. Salvo Marina e il bivio di Tufillo? Il sospetto è che si voglia imitare il modello della TAV in Piemonte, dove si investono cospicui fondi per aprire cantieri e realizzare opere che non serviranno mai, con annessi danni ambientali.
Ricordo bene che, nel 1998 o 1999, in occasione di un Consiglio comunale, all’ottimismo del Sindaco per la realizzazione dell’Autoporto avanzai stupore e delusione, esprimendolo anche con un dubbio: “Autoporto o Aeroporto?”. E’ vero che anche gli aeroporti sono troppi in Italia, ma sapere che L’Aquila ne ha uno, che Isernia dispone di una pista di volo ecc. fa dire: ma perché l’area Vasto-S. Salvo-Montenero-Petacciato-Termoli, che conta oltre 100.000 abitanti e due grandi aree industriali oltre che un bacino turistico rilevante d’estate, non potrebbe avere un aeroporto? Comunque, se dobbiamo gettare soldi sulle infrastrutture, facciamolo almeno per opere che guardano al futuro e non al passato!
E’ risaputo chi finanzia i pubblici “investimenti”: il contribuente; così chi risponderà per tali scempi: nessuno. Né ci stupisce l’atteggiamento dei partiti, fatto di autoritarismo e interesse politico, in quanto sugli appalti pubblici costruiscono il loro consenso. La sorpresa semmai viene dall’assordante silenzio sulle ultime grandi opere da parte dei cittadini, cosa che conferma come a S. Salvo tanto l’opinione pubblica quanto la cultura di opposizione si sono praticamente dissolte.
Un’altra opera che ha avuto una lunga gestazione (circa 10 anni) e che ora sta per essere finalmente completata, è l’edificio scolastico dell’IPSIA, realizzato dalla Provincia di Chieti. Si tratta di un’opera attesa da 40 anni, in quanto l’IPSIA è ancora presso un edificio privato affittato. Sull’opera va riconosciuto l’impegno sia del Comune che della Provincia ma insieme anche della dirigenza e dei docenti dell’ITC, che all’epoca del progetto e dell’acquisizione del terreno si batterono perché la struttura non venisse realizzata vicino l’area industriale (come intendeva il Comune) ma adiacente all’ITC (dove si stava realizzando anche la palestra) per gettare le basi di un unico “polo di scuola superiore” a S. Salvo. Una intuizione felice, perché dopo l’istituzione del Liceo Scientifico, il “Raffaele Mattioli” di S. Salvo dispone di tre indirizzi formativi, sicché il nuovo edificio IPSIA, momentaneamente sovradimensionato rispetto all’utenza (dispone di 25 aule per gli alunni, una decina di laboratori, un’aula magna da 240 posti e di diversi altri vani per gli uffici dell’amministrazione e della presidenza, la biblioteca ecc.), si presta ad essere utilizzato anche per la didattica di un altro indirizzo.
Per concludere accenniamo ad altre due grandi opere: una che avrebbe potuto nascere ma non è mai nata e l’altra che si dovrà realizzare ma su cui non c’è ancora accordo.
Nel primo caso, il Consorzio Industriale sembrava essersi convinto della necessità di procedere ad un raddoppio della carreggiata - portandola a quattro corsie - della strada S. Salvo-S. Salvo Marina (quella che passa attraverso la zona industriale) con riduzione della sopraelevazione, ridefinizione degli attuali svincoli e parallela creazione di una pista ciclabile e di una pista pedonale a lato. Il progetto fu anche in parte redatto (S. Salvo, oltretutto, ha due sole strade di collegamento tra la Città alta e la Marina), ma poi non ci fu verso di renderlo esecutivo.
Nel secondo caso, da tempo si è posto il problema dell’arretramento della strada Statale 16 adriatica. Diverse le posizioni tra i comuni interessati (Vasto, Cupello, Monteodorisio, S. Salvo) che per ora non hanno trovato una sintesi. L’intervento del Sindaco di S. Salvo è stato tra i più fumosi. A suo parere, la Statale 16 dovrebbe aggirare ad ovest S. Salvo, passando addirittura per Montalfano o la valle del Treste. Ma si può essere meno credibili? Nel mentre ci si è sempre rifiutati di ridurre un poco oppure di delocalizzare in parte l’Area industriale verso la Padula (in accordo con Montenero) oppure le Motticce, si pretende che il traffico commerciale, che interessa direttamente le nostre aziende industriale e artigianali, faccia il giro intorno S. Salvo come fosse Roma! In realtà, il percorso più logico della Statale 16 nel tratto Vasto-Colle Pizzuto è quello dell’antico tratturo L’Aquila-Foggia che passando ad ovest di Vasto Alta scende verso Colle Pizzuto in buona parte lungo il tracciato della strada interna Vasto-S. Salvo (ex Statale 16 fino al 1960 circa). Da Colle Pizzuto e poi dal Villaggio SIV la strada potrebbe passare attraverso l’area industriale di S. Salvo, utilizzando un tratto del tracciato ferroviario mai entrato in funzione e poi l’attuale viale Germania, avvicinandosi così all’Autoporto e al casello Vasto Sud dell’Autostrada A14 e rientrando sull’attuale percorso prima o dopo l’attraversamento del fiume Trigno.
Questo è quanto. E per riflettere, penso che ce ne sia abbastanza.

Giovanni Artese
Leggi tutto....

mercoledì 30 novembre 2011

PRO VASTO: L'INTERVENTO DEL CONSIGLIERE REGIONALE ANTONIO PROSPERO

La Pro Vasto ce l’ha nel cuore, così, al primo richiamo da parte della tifoseria, il consigliere regionale di Rialzati Abruzzo, Antonio Prospero, non perde occasione per rilanciare l’idea di creare un nuovo gruppo dirigente che sappia far rifiorire il prestigioso vessillo biancorosso.
“Sono certo di non fare torto a quanti amano lo sport e lo praticano, a Vasto, se sollecito un interessamento vero e concreto da parte della civica amministrazione per i colori sociali della Pro Vasto, sodalizio nato nel 1902”. Insomma l’ex sindaco, che agli inizi degli anni novanta non faceva mai mancare alla società vastese il suo apporto anche in termini di presenza al calciomercato estivo, crede che si possa fare qualcosa per riportare, all’Aragona, il calcio che conta. “Ritengo che l’amministrazione comunale debba farsi parte attiva, assieme al sottoscritto ed a tanti altri amici, di un nuovo progetto perché la Pro Vasto possa tornare ad essere protagonista del calcio regionale. Il mio, al pari di quello dei tantissimi sostenitori della maglia biancorossa, è qualcosa di più di un semplice desiderio. Una città come Vasto, che vanta una tradizione sportiva importante, non può restare in silenzio per le vicende societarie che due anni fa hanno impedito l’iscrizione al campionato professionistico della squadra, dopo aver conquistato sul campo la meritata salvezza. Domenica scorsa, in occasione della gara del campionato di Eccellenza tra il Vasto Marina e il San Salvo, allo stadio Aragona, si è svolta una pacifica manifestazione dei tifosi della Pro Vasto. In curva è stato esposto lo striscione Noi non molliamo, la Pro Vasto rivogliamo a dimostrazione dello stato d’animo e della volontà di un numeroso gruppo di sportivi biancorossi che non accetta che la città del Vasto sia rappresentata da una società che non sentono propria. Il Vasto marina merita tutto il rispetto e i ringraziamenti per quanto sta facendo – spiega Prospero . E’ evidente, però, che la città ha bisogno di una squadra e di una società che rappresentino l’intera comunità sportiva. Mi auguro che questo messaggio – conclude il consigliere regionale – giunga a destinazione senza interpretazioni sbagliate e senza strumentalizzazioni. Se riusciamo a fare questo salto di qualità, tutti insieme, sono certo che una strada nuova per far rinascere il calcio vero, a Vasto, potremmo presto percorrerla”.
Leggi tutto....

martedì 29 novembre 2011

IGNORA L'ALT DELLA POLIZIA: UOMO ARRESTATO A SAN SALVO DOPO UN BREVE INSEGUIMENTO

Non si è fermato all'alt degli agenti della Polizia Stradale di Termoli in località Costa Verde a Montenero di Bisaccia. Da qui è nato un inseguimento. Il fuggitivo a bordo di una Fiat Uno, vistosi braccato, all'altezza della rotatoria a confine tra Vasto e San Salvo sulla Statale 16 ha imboccato la pista ciclabile ed è fuggito a piedi ma, gli agenti della Polizia di Termoli in collaborazione con i colleghi di Vasto l'hanno bloccato e arrestato nelle vicinanza del ponte di legno che collega i tracciati ciclabili di Vasto e San Salvo. L'auto, da accertamenti della Polizia, è risultata rubata. L'uomo dopo le formalità di rito presso la Polizia di Termoli verrà condotto al carcere di Larino. L'episodio è accaduto poco dopo le 11 di questa mattina.

L.D.S.
Leggi tutto....

lunedì 28 novembre 2011

RISSA IN PIENO CENTRO A VASTO, DUE RAGAZZI DENUNCIATI DALLA POLIZIA

Sono stati identificati e denunciati gli autori dell’aggressione avvenuta in piena notte lo scorso 1° novembre ai danni di R.D., un ventenne vastese, nelle adiacenze di un bar del centro storico di Vasto.
La Volante del Commissariato, durante il normale servizio di prevenzione e repressione dei reati in genere, casualmente si trovava in quella zona e aveva subito notato un giovane scappare precipitosamente. Gli operatori si erano subito fermati e avevano trovato un ragazzo accasciato a terra, ferito ad un occhio.
Quando però gli Agenti - si legge nella nota del Commissariato di Vasto- gli avevano chiesto cosa fosse accaduto questi aveva risposto in modo aggressivo e oltraggioso, rifiutando persino l’intervento dell’ambulanza.
Gli operatori, considerata la situazione, avevano cercato di calmare il giovane e convincerlo a rivelare il nome dell’aggressore, senza alcun esito. Quest’ultimo, nonostante le ferite riportate, aveva assunto un atteggiamento ostile nei confronti degli Agenti, oltraggiandoli continuamente e dicendo loro che se la sarebbe vista da solo e che sicuramente non avrebbe sporto alcuna denuncia.
A questo punto gli Agenti del locale commissariato, sicuri che il ragazzo venisse accompagnato in Ospedale dalla fidanzata di lui, presente sul posto, avevano raccolto le prime informazioni dalle persone presenti.
La Polizia ha continuato ad indagare sulla vicenda utilizzando anche il sistema di videosorveglianza a circuito chiuso di un bar.
Nei giorni successivi all’episodio è stato effettuato un delicato lavoro di ricostruzione dell’intera vicenda con esperti della Polizia Scientifica per la visione delle immagini e con le dichiarazioni di ulteriori testimoni che si sono rivelate preziose per il buon esito delle indagini.
Il personale della Polizia Anticrimine del Commissariato, coordinato dal Dirigente Dr. Cesare Ciammaichella, ha interrogato alcuni testimoni, compresa la fidanzata della vittima. Quest’ultima, nonostante avesse fornito una dettagliata descrizione dell’aggressore, aveva dichiarato di non riconoscerlo tra le foto che gli operatori le avevano mostrato.
La medesima versione era stata riferita dal giovane aggredito.
Questo particolare, però, non ha convinto troppo gli investigatori che ben presto hanno intuito che la coppia cercava, in qualche modo, di proteggere l’aggressore.
Dalle indagini della Polizia - conclude Ciammaichella- è emerso non solo che i fidanzati conoscevano benissimo l’aggressore, ma che all’episodio aveva partecipato anche un altro ragazzo, il quale aveva contribuito a colpire la vittima con pugni e calci. Il giovane ferito, per la gravità delle lesioni, ha avuto una prognosi di 30 gg., suscettibili di un ulteriore periodo.
I responsabili, entrambi minorenni, sono stati individuati e deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori dell’Aquila.
Dovranno rispondere di lesioni personali in concorso, mentre i due fidanzati, R.D e E.A., sono stati deferiti alla locale A.G. per favoreggiamento personale.
R.D. dovrà rispondere anche di oltraggio a pubblico ufficiale.
Leggi tutto....

SAN SALVO: GUIDA IN STATO DI EBBREZZA E PORTO INGIUSTIFICATO DI ARMI, 42ENNE DENUNCIATO DAI CARABINIERI

I Carabinieri della stazione di San Salvo hanno denunciato, con l’accusa di porto ingiustificato di armi, A.A. operaio 42enne di Cupello. L’uomo era in possesso di un coltello a serramanico più lungo del limite massimo stabilito dalla legge. L’operaio, fermato poco dopo l’una della notte nella zona industriale di San Salvo, è risultato anche positivo all’alcool test. Per il 42enne è scattato il sequestrato dell’auto, un’Alfa 166, il ritiro della patente e la denuncia per guida in stato di ebbrezza.

L.D.S.
Leggi tutto....

domenica 27 novembre 2011

L'U.S. SAN SALVO CROLLA ALL'ARAGONA: IL VASTO MARINA VINCE 3-0

Una partita più facile del previsto per il Vasto Marina di Vecchiotti. La formazione biancorossa batte 3-0 i “cugini” dell’U.S. San Salvo che hanno giocato una delle più brutte partite del campionato. Dopo i primi minuti giocati a ritmi alti la partita è calata di intensità rischiando anche di annoiare i circa 500 spettatori, con buona rappresentanza ospite, presenti all’Aragona. Il Vasto Marina inizia bene e al 5’ Soria calcia una punizione dal limite dove Cianci non arriva e porta in vantaggio i biancorossi. La compagine di Marcello tenta una reazione ma si capisce da subito che i biancazzurri sono in giornata no. Intorno al 20’ il San Salvo ci prova con Crisci ma La Barba anticipa il giovane attaccante sansalvese. Sette minuti dopo Esposito si libera bene in area ma tiene troppo la palla e al momento del tiro Cianci si fa trovare pronto. Allo scadere del primo tempo arriva il colpo per il San Salvo. Farina perde palla, forse per un fallo, ed Esposito serve un gran pallone a Soria che scatta sul filo del fuorigioco e trafigge per la seconda volta Cianci. Ad inizio ripresa il San Salvo, spinta dal tifo dei propri supporter, cerca di fare la partita ma il Vasto Marina controlla la gara senza affanni. Il sigillo all’incontro arriva al 60’. Avantaggiato batte una punizione, Esposito in area stacca di testa e sigla il definitivo 3-0. Dopo questa rete le due squadre si annullano e il San Salvo molto rinunciatario non crea occasioni degne di nota. A otto minuti dal termine il Vasto sfiora il poker con il tiro di Azeez che termina di poco a lato della porta difesa da Cianci. Il Vasto Marina con questa vittoria si porta al quinto posto in classifica mentre il San Salvo scivola sempre più giù in classifica. Giovedi’ riapre il mercato e sicuramente il patron Torricella regalerà qualche rinforzo a Marcello per conquistare la salvezza diretta a fine campionato.
Nel campionato di promozione sconfitte interne per la Virtus Cupello e il Real San Salvo.
Leggi tutto....

sabato 26 novembre 2011

POCHI AGENTI E AUTO VECCHIE: PROTESTANO I SINDACATI DI POLIZIA

Servirebbero 35 poliziotti in più. A Vasto si discute tanto di sicurezza, ma di rinforzi nemmeno l’ombra. Ne arriverà uno solo: un agente che verrà trasferito all’autostradale di Vasto Sud. Sarà l’unico. Non solo della città, ma anche dell’intera provincia di Chieti. Sì, perché nella mappa del Ministero dell’Interno l’Abruzzo, insieme a Umbria e Marche, è all’ultimo posto nel capitolo aumenti d’organico. Non è una priorità. I pochi uomini che verranno assunti su scala nazionale saranno destinati quasi tutti al Nord. La scure dei tagli che si è abbattuta sulle forze dell’ordine ha un nome preciso: blocco delle assunzioni. Cioè concorsi ogni 2 anni per assumere non più di 1500 agenti per volta. Nel dare e nell’avere, troppo pochi se si considerano i pensionamenti e l’aumento della richiesta di sicurezza che viene da tutte le latitudini dello stivale.
Vasto si inserisce in questo quadro. Furti, rapine e incendi dolosi aumentano. Ma la città non è inserita nell’elenco delle priorità. Traduzione: nella migliore delle ipotesi, gli organici dei quattro presidi di polizia rimarranno identici. “Al Commissariato di via Bachelet attualmente siamo meno di 40”, racconta Giancarlo Manes, segretario provinciale del Sap, sindacato autonomo di polizia. Trenta agenti alla polizia autostradale di Vasto Sud. Ne rimangono appena 10, compresi due aggregati, in servizio alla polizia stradale di viale Giulio Cesare. Di rinforzi manco a parlarne. Mentre nel 2007 era stato a un passo dalla chiusura il posto di polizia ferroviaria della stazione Vasto-San Salvo.
“All’autostradale di Vasto Sud siamo rimasti in 30. Sotto organico di 15 unità”, è il grido d’allarme lanciato da Nicola Di Sciascio, segretario provinciale del Coisp, coordinamento per l’indipendenza sindacale delle forze di polizia. I poliziotti in servizio sull’A14 devono garantire controlli e interventi su un tratto di 100 chilometri, a partire dal casello di Ortona e fino ad arrivare a quello di Poggio Imperiale, nel Foggiano. Una zona delicatissima. Un tratto di strada su cui transitano ogni anno centinaia di veicoli rubati, ladri, spacciatori e camion pieni di clandestini. Nel breve periodo “il quadro generale è preoccupante. Verranno tagliate 30mila unità lavorative tra tutti i corpi di pubblica sicurezza, esclusi i carabinieri, che sono corpo militare e hanno un ordinamento diverso dal nostro. In Abruzzo non sono previsti incrementi di personale”: così Di Sciascio fotografa la situazione.
A Vasto “siamo in carenza d’organico da tempo”, sottolinea Manes. “Negli anni Novanta il Commissariato aveva 50 agenti, ora siamo meno di 40”, con la città che è cresciuta e, insieme ad essa, le esigenze di sicurezza. “Si allungano anche i tempi relativi alla manutenzione delle automobili. Qui a Vasto abbiamo auto civetta vecchissime. Una è di vent’anni fa”.

da www.vastoweb.com
Leggi tutto....

Visualizzazioni totali